Il master

Il master a distanza "Tutela,diritti e protezione dei minori" tratta tematiche strettamente collegate alla specificità della fase evolutiva del minore, con particolare attenzione alle situazioni di disfunzione familiare e/o di compromissione nella socializzazione con i pari. Il suo aspetto interdisciplinare garantisce allo studente l'acquisizione di competenze e di strumenti di valutazione dei contesti evolutivi e delle relazioni significative che li caratterizzano tali che gli consentiranno di effettuare idonei interventi riparativi, sia di matrice giuridica che terapeutica ed educativa. Il Master ,strutturato in un percorso comune al termine del quale il corsista può scegliere il curriculum che intende seguire,sarà attivato anche nell'a.a 2016/2017. Gli indirizzi sono quattro: Giuridico – Psicologico – Sociale - Educativo. Iscrizioni entro il 20 Marzo 2017. Info: mastertutelaminori@unife.it - 3493169397. L'Università degli Studi di Ferrara è Agenzia accreditata CNOAS.

read more
  • .

    .

  • .

    .

Curriculum Educativo

Curriculum Educativo

.
Read More
Curriculum Giuridico

Curriculum Giuridico

.
Read More
Curriculum Sociale

Curriculum Sociale

.
Read More
Curriculum Psicologico

Curriculum Psicologico

.
Read More

Iscrizioni aperte al master “Tutela, diritti e protezione dei minori”, edizione 2016/2017

cartolina 8 edizione jpeg

L’Università degli Studi di Ferrara propone, a partire dal 3 aprile 2017 e per l’ottavo anno consecutivo, il master in “Tutela, diritti e protezione dei minori“, che consente di operare come consulente nella tutela giuridica,sociale, psicologica,educativa dei minori! Un corso universitario che dal 2008 offre, grazie alla formula delle lezioni in e-learning e delle attività in presenza facoltative, a corsisti e corsiste,  a livello nazionale e internazionale, la possibilità di specializzarsi grazie a quattro curricula specifici -sociale,giuridico, psicologico, educativo- e ad un Percorso comune che affronta in maniera approfondita i temi più attuali nell’ambito della tutela minorile. Read More

Seconda tappa del Tour Comunità: Il piccolo Principe di Limosano

limosano

L’equipe di lavoro si trova oggi a Limosano, un piccolo centro in provincia di Campobasso, dove ad accogliere bambine e bambine, ragazzi e ragazze, oltre alla comunità “Il piccolo Principe”, è stato un paese intero!

Read More

Atti del Convegno: La comunità del benessere e le città riparative

Kintsugi

Si è svolto lo scorso  25 novembre il Convegno “La comunità del benessere e le città riparative…ecco i video degli interventi!

Read More

Roma apre le porte al Tour Comunità!

roma

Dopo l’ inaugurazione del Tour “Porte aperte in comunità“, in occasione del Seminario “Progettare una comunità educante”a Latiano, e la visita alla Comunità Villa Flora, il nostro viaggio all’interno delle comunità per minori italiane, alla scoperta e documentazione di buone prassi da condividere, continua! Il 23 Novembre la Comunità la Valle dei fiori di Roma ha aperto le porte al tour: grazie alla grande accoglienza e collaborazione dell’equipe, è stato possibile realizzare alcune videointerviste che raccontano la storia e il modus operandi di questa comunità per minori.

Read More

25 Novembre al master: “La comunità del benessere e le città riparative”

bimbi1

Ultimo appuntamento per il 2016: il 25 novembre il master abiterà le “città riparative”

Read More

E’ partito il tour del master “Porte aperte in comunità”!

casa flora

La prof.ssa Bastianoni ha inaugurato ieri, a Latiano, il tour “Porte aperte in comunità”, con la presentazione del volume “Comuni-care in comunità per minori” e la visita alla Casa Famiglia Flora, nella cornice del Convegno “Progettare una comunità educante”.

“Prende cosi  il via, da questo piccolo comune della  Puglia, unica realtà che, nel panorama italiano, si caratterizza per  un’altissima densità di comunità residenziali, la nuova iniziativa del master “Tutela, diritti e protezione dei minori”!

Read More

In tour tra le comunità possibili: prende il via il progetto ” porte aperte in comunità”

Il primo giugno 2015 e’ stato inaugurato il corso online “Le comunità per minori: modelli teorici e organizzativi e strumenti d’intervento”, realizzato dall’università di Ferrara con la collaborazione del Ceis di Ancona e diretto dalla prof.ssa Paola Bastianoni che ha visto la partecipazione di oltre 40 corsisti tra educatrici/educatori, coordinatori/ici e professionisti che a vario titolo lavorano all’ interno di comunità per minori del nostro territorio nazionale, con l’obiettivo di creare una comunità virtuale interessata ed impegnata a costruire un percorso collettivo e condiviso attraverso momenti strutturati di confronto e riflessione su aspetti tematici portanti l’intervento di comunità .
L’esperienza del primo anno si è conclusa con la pubblicazione del volume “Comuni-care in comunità”, un volume collettivo focalizzato sull’ affermazione della centralità di un approccio relazionale nei servizi residenziali destinati alla cura di bambini, bambine e adolescenti segnati da traumi relazionali ,violenze, abbandoni.

Non solo.

Il 18 ottobre 2016, a Latiano, piccolo comune della Puglia e unica realtà che, nel panorama italiano, si caratterizza per un’altissima densità di comunità residenziali, il percorso formativo dedicato alle comunità è uscito dagli spazi virtuali della piattaforma online ed ha dato vita al progetto “Tour Comunità a porte aperte”, nato con l’ obiettivo di incontrare e conoscere comunità che in diversi territori e contesti rappresentano -e sono- luoghi di vita autenticamente rivolti alla costruzione di relazioni che curano, grazie alla presenza e agli interventi di educatrici ed educatori, volontari/ie e coordinatori/trici, che ogni giorno, con passione, fatica e impegno, realizzano un’accoglienza centrata sui bisogni dei singoli, con risposte relazionali sintoniche, in grado di perturbare traiettorie evolutive a rischio e di accompagnare i minori affidati alle loro cure nel loro complesso percorso di crescita.

Come si realizza il Tour “Comunità a porte aperte?”

Su appuntamenti calendarizzati, le comunità per minori che aderiscono al progetto, ospitano il gruppo di lavoro formato dalle/dai responsabili e tutor che, insieme a corsisti/e e operatori/rici di comunità appartenenti ad altre realtà del territorio, visitano ogni singola struttura e raccolgono, attraverso interviste e videoregistrazioni, storie e testimonianze sulla progettualità di ciascuna di esse, sui servizi offerti, sulla loro storia, sulle peculiarità e specificità su cui poggia la qualità degli interventi promossi.
La ricerca e la raccolta di informazioni include elementi di tipo strutturale -tipologia di struttura;destinatari dell’accoglienza;servizio e tempi di accoglienza; risorse presenti; relazioni con le famiglie, con i servizi sociali, con la scuola, con il territorio, con il contesto di riferimento – ma anche l’analisi delle azioni e delle pratiche relative a: progetti e interventi promossi in risposta ai bisogni individuali dei/delle minori accolti/e ;stili educativi; punti di forza; elementi di criticità.

Approfondendo le specificità di ciascuna comunità per rintracciarne gli elementi distintivi, raccogliendo e sistematizzando le narrazioni relative all’ organizzazione, alle finalità educative perseguite, ai casi di minori presi in carico, ,alle modalità di realizzazione degli interventi promossi in ciascuna struttura, il progetto intende avviare riflessioni e diffondere buone prassi che testimoniano il senso e la ricchezza dell’accoglienza, delle relazioni significative e riparative, della cura e della responsabilità delle azioni educative.

A questa prima fase di conoscenza, fa seguito una seconda fase di formazione: all’interno di sedi istituzionali o luoghi rappresentativi di ciascun contesto visitato, e alla presenza e con la partecipazione di autorità, quali ad esempio i garanti regionali per l’infanzia e l’adolescenza, professionisti ed esperti impegnati nella tutela dei diritti dei minori, viene organizzato un incontro/seminario, aperto a tutti i professionisti e alle persone interessate a partire dalla presentazione del volume “Comuni-care in comunità”. La giornata seminariale prevede la partecipazione attiva della e delle comunità che hanno partecipato al tour.

Ogni giornata vede uno spazio dedicato all’incontro tra il gruppo di lavoro e gli ospiti delle comunita’.

Cosi organizzato e condotto, il tour reifica e sostanzia con la partecipazione diffusa su tutto il territorio italiano l’approccio relazionale che fa da frame teorico del volume “Comuni-care in comunità”,e, attraverso storie di vita di comunità, documenta,con uno sguardo dall’interno, la realizzabilità di buoni interventi e di precisi modelli educativi alla luce di una concezione della comunità per minori intesa come luogo di interazioni e relazioni autentiche e co-costruite nel rispetto della complessità delle relazioni stesse e della pluralità di azioni ed interventi che ciascun contesto, alla luce delle proprie risorse e del proprio ambiente di riferimento, è in grado di attivare.
Attraverso una analisi teorica e pratica,quindi, il tour comunità propone un confronto aperto con diverse modalità di lavoro con minori, riconducibili , tuttavia, ad un comune approccio di tipo relazionale,distintivo di quelle comunità che si configurano realmente quali luoghi che proteggono e si pongono, lontano da qualunque logica assistenzialistica, in una dimensione ricostruttiva delle esperienze relazionali significative.

Ecco il libro “Comuni-care in comunità per minori”, quarto volume della collana del master!

COMUNICARE IN COMUNITA

E’ disponibile il volume “Comuni-care in comunità per minori”, frutto di un lavoro intenso durato un anno svolto sulla piattaforma online  del master assieme a decine di educatori e educatrici di tutta Italia e diretto dalla Prof.ssa Paola Bastianoni.

Read More

“Le famiglie omogenitoriali in Italia” a Modena, il 25 ottobre, per la settimana della Salute mentale

presentazione 25 ottobre

Per i cittadini di Modena e Provincia, la terza settimana del mese di Ottobre ha un nome: Màt Settimana della Salute Mentale.

Read More

Mani in pasta in comunità: storie di una matrioska

matriosche

Si è svolta dal 26 al 29 settembre a Ferrara l’ultima delle scuole di comunità organizzate dal master nel 2016: nel logo della scuola, la matrioska (le matrioske) simbolo di inclusione, protezione, e contenitore  di mondi diversi, di pluralità, di realtà comunicanti che, come le comunità che si sono confrontate durante il percorso formativo, possono moltiplicarsi e aprirsi per mostrare all’esterno  i loro “st (r) ati” interiori.

Read More