Censimento Istat – Dati sulle famiglie omoaffettive

L’ISTAT ha diffuso oggi i dati relativi alle coppie dello stesso sesso che si sono dichiarate tali nell’ultimo censimento.

Le coppie sono in totale 7513, di cui 529 con figli e 6984 senza figli

Al seguente link è possibile  controllare il database: http://www.istat.it/it/archivio/124394

Di seguito quello delle associazioni LGBT.

Censimento: l’ISTAT considera le famiglie di persone lesbiche e gay al
pari delle altre.

Le associazioni LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersex) ringraziano l’Istat che, a differenza di altre istituzioni, con l’ultimo censimento ha fatto emergere una realtà che è sotto gli occhi di tutti, anche se la politica continua a ignorarla: le persone omosessuali creano famiglie come tutte le altre persone.

censimento

Il quadro che emerge non può certo considerarsi pienamente rappresentativo della realtà di tutte le persone LGBTI molte delle
quali sono in coppia ma non convivono. Le coppie conviventi sono solo una piccola parte della popolazione, e questo è vero per le persone LGBTI come per chiunque altro.
Ciò che non si potrà più negare di qui in avanti è che migliaia di persone nel nostro Paese godono strutturalmente di meno diritti degli
altri, anche in ambito familiare. Si tratta di una minoranza, ma un Paese definisce il proprio livello di democrazia proprio in base al modo con cui tratta le minoranze, dal momento che il rispetto che si deve a qualsiasi persona non può dipendere dal numero di persone che invocano quel rispetto. In una democrazia matura la maggioranza non può calpestare i diritti delle minoranze.

Il dato del censimento diffuso dall’ISTAT dimostra che il numero delle coppie formate da persone dello stesso sesso è sottostimato perchè lo stigma sociale e istituzionale che circonda queste famiglie fa loro temere di essere visibili. È a partire dal superamento di ogni forma di discriminazione che il Parlamento e il Governo possono cambiare radicalmente questa situazione. Non solo leggi, ma anche opportuni atti amministrativi possono consentire alle famiglie delle persone lesbiche e gay, sia coppie che genitori singoli o separati, e ai loro figli di vivere più serenamente, sentendosi pienamente accolti nel loro contesto sociale.

Per agire in maniera efficace e prendere decisioni politiche basate sui fatti e non sui pregiudizi, auspichiamo che all’ISTAT, e non solo, siano fornite risorse adeguate per poter compiere nuove indagini fondamentali, come quella condotta nel 2011 finanziata dal
Dipartimento per le pari opportunità, sulla popolazione omosessuale nella società italiana, tese a conoscere le vite, i bisogni e le
discriminazioni subite dalle persone LGBTI e ad allargare la conoscenza delle famiglie di persone lesbiche, gay e trans.
Fiorenzo Gimelli, Agedo
Flavio Romani, ArcigayPaola Brandolini, ArciLesbica
Giuseppina La Delfa, Famiglie ArcobalenoAntonio Rotelli e Maria Grazia
Sangalli, Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford
Yuri Guaiana, Certi DirittiAndrea Maccarrone, Circolo di cultura
omosessuale Mario Mieli
Fabrizio Marrazzo, Gay CenterChristian Ballarin, Maurice GLBTQ
Cecilia d’Avos e Fabrizio Paoletti, Rete genitori Rainbow
Tiziana Biondi, Stonewall

 

Comments are closed.