Il Monello

Il Monello

Regia:  Charlie Chaplin

Genere: Commedia, Drammatico, Family

Tipologia: Accoglienza e Discriminazione

Interpreti: Charlie Chaplin, Edna Purviance, Jackie Coogan, Carl Miller, Granville Redmond, Edith Wilson, Jack Coogan Sr., Charles Riesner, Edgar Sherrod, Beulah Bains, Rupert Franklin, Flora Howard, Elsie Sindora

Origine: Usa

Anno: 1921

 

 Trama: Una ragazza sedotta e tradita, esce da un istituto di carità, dove ha messo al mondo un figlio. Ella decide di abbandonarlo, ma vorrebbe che il bimbo avesse un avvenire sicuro e felice: dopo molte esitazioni lo lascia nell’interno di un’automobile di lusso. Due ladri rubano la vettura: accortosi della presenza dell’ incomodo passeggero, lo abbandonano sulla strada, dove lo trova Charlot, straccione vagabondo durante la sua passeggiata mattutina. Egli cerca di disfarsi del marmocchio, mettendolo nella carrozzella di un altro bimbo, ma è costretto a riprenderselo. Charlot non sa che fare, ma alla fine prevale in lui il buon cuore e tiene con sé il bambino. Qualche anno dopo Charlot e il monello collaborano: il ragazzetto rompe i vetri delle finestre e Charlot che fa il vetraio li sostituisce. Un giorno il bimbo s’ammala e il medico segnala il caso ai dirigenti dell’orfanotrofio, i quali vorrebbero togliere il ragazzino al padre adottivo. Charlot gioca d’astuzia e il monello rimane con lui, nascosto in un asilo notturno. Nel frattempo la madre del bimbo è divenuta una celebre cantante e cerca disperatamente il figlio: con un avviso sui giornali promette una lauta ricompensa a chi le riconsegnerà il ragazzo. Il padrone dell’asilo notturno rapisce il monello a Charlot e lo riconsegna alla madre. Charlot si sveglia e non trova il bimbo. Con il cuore in gola vaga per la città, finchè avvilito e disperato, s’addormenta sulla soglia della sua catapecchia. Egli sogna di essere in Paradiso, dove incontra i personaggi della realtà quotidiana, i quali però hanno le ali e si comportano con serafica compostezza. Ma anche lì scoppia una baruffa e Charlot si sveglia di soprassalto. L’ha svegliato un poliziotto, che lo condurrà dal monello e da sua madre.

Recensione: Uno dei grandi geni cinematografici dello scorso secolo, Charlie Chaplin, attore, autore, regista e sceneggiatore dall’animo artistico e dal carattere fanciullesco, si ritrova per la prima volta a dirigere ed interpretare un lungometraggio, pervenendo a risultati sorprendenti e stupefacenti.
Il monello“, infatti, abbandona il carattere totalmente comico e “fracassone” dei precedenti lavori di Chaplin, per diventare una perfetta e riuscitissima fusione tra il melodramma e l’ironia con un’immancabile, soprattutto nei film a venire, critica alla società di allora, fatta di soprusi nei confronti dei più deboli e di ingiustizie e prepotenze da parte delle istituzioni in primis, ma non solo (il riferimento all’arricchimento della protagonista femminile non è ovviamente casuale, così come la figura del poliziotto corpulento e antipatico). Inutile rimarcare l’impareggiabile maestria di Chaplin, capace di svolgere egregiamente e inimitabilmente sia il mestiere di attore che quello di regista. Il genio di Chaplin è pienamente espresso in questo piccolo-grande capolavoro dotato di un’enorme potenza emotiva e comunicativa.

Social tagging: > > > >

Comments are closed.