La complessità dei percorsi di protezione delle vittime di violenza assistita

La tesi della dott.ssa Fornasier, relatrice Prof.ssa Monacelli, si pone l’obiettivo di “analizzare da vicino i percorsi di protezione e tutela che interessano i minori testimoni di maltrattamenti, attraverso le parole e le prospettive dei soggetti che in prima persona sostengono e aiutano concretamente donne e bambini/e nel loro difficile cammino verso una vita libera dalla violenza”.

Il presente lavoro partendo dallo studio e dall’esperienza (come da abstract) “maturata attivamente nei contesti di protezione dei minori accolti presso i Centri antiviolenza ha permesso di realizzare questo approfondimento, che affronta in modo sintetico il fenomeno ancora poco noto della violenza assistita e le conseguenze del suo impatto sui minori, proseguendo con una panoramica degli aspetti giuridici e istituzionali dei percorsi di protezione, nonché le criticità rilevate dagli ultimi rapporti nazionali”. Inoltre, il lavoro ha il pregio di correlare al quadro introduttivo “il contenuto delle interviste svolte ad un’operatrice d’accoglienza di un Centro antiviolenza, un’avvocata, un’assistente sociale ed un giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni, coinvolti/e direttamente nella gestione di casi di violenza domestica ed assistita. Attraverso le loro testimonianze è stato possibile evidenziare alcune essenziali problematiche di questi complessi interventi e le modalità con cui i diversi soggetti interpretano e gestiscono pragmaticamente la situazione nella sua delicata criticità” Grazie al lavoro di intervista e revisione come scrive l’autrice: “oltre ai punti di debolezza sono emersi con forza anche i frutti dell’utilizzo di buone prassi, dell’integrazione e collaborazione tra servizi, che unendo competenze e risorse,  garantiscono ogni giorno tutela e protezione a tutte quelle donne e quei/lle minori che vivono quotidianamente il dramma della violenza intrafamiliare”.

Abastract: fornasier-abstract-tesi_mf

Tesi: fornasier_tesi

Social tagging: > > > > > > > > > > > > > > >

Comments are closed.