Magdalene

magdalene

Regia: Peter Mullan

Genere: Drammatico

Tipologia: Istituzionalizzazione, Disagio minorile

Interpreti: Eileen Walsh, Geraldine McEwan, Dorothy Duffy, Annie-Marie Duff

Origine: Regno Unito

Anno: 2002

 

 

Trama: Siamo alla fine degli anni sessanta ed in Irlanda le case “Magdalene”, dedicate a Maria Maddalena, sono piuttosto diffuse. All’interno delle suore “tengono in riga” delle donne che hanno perso di vista la “luce di Dio”, riportandole così sulla retta via. Intento lodevole se non fosse per il fatto che queste giovani vengo tenute rinchiuse, segregate lontano da qualsiasi contatto umano, con un’atmosfera simile ad un lager. La loro colpa? Aver avuto una relazione prima del matrimonio, un bambino o semplicemente essere state troppo provocanti. Come espiarla? Dieci ore di lavoro duro (in una lavanderia) per sette giorni alla settimana, senza alcuna retribuzione, con vitto scadente, con l’obbligo del silenzio, ma con tanta preghiera!

Recensione: Peter Mullan (gia’ attore di “My Name Is Joe”) dirige questa storia dai toni dickensiani dove tre ragazze vengono, per motivi diversi, rinchiuse in una delle case “Magdalene”.Le ragazze vengono spogliate di ogni identità, a cominciare dai nomi, e costrette ad una serie di soprusi fisici e psicologici che minerebbero anche la volontà più forte. Sotto la sadica e rapace guida della Sorella Bridget (Geraldine Mc Ewan / “Enrico V”) percorreranno tutti gli abissi della disperazione e dello sconforto, incapaci di reagire in alcun modo, ormai plagiate dalla volontà delle suore.
Di contro l’opulenza della vita di queste dedite all’accumulo di denaro alle spalle delle loro “protette”. Alla fine se deve essere fatta una scelta sarà sempre il Dio Denaro a vincere.
Risulta chiaro che l’unico modo di uscire da questa prigione di una vita senza speranza può essere solo la morte o, peggio ancora, la presa dei voti che trasformerà le ragazze nel loro peggiore incubo: le suore stesse.

Social tagging: > > > >

Comments are closed.