Seminario “I diritti dei minori nell’ordinamento giuridico italiano”

Seminario 
“I diritti dei minori nell’ordinamento giuridico italiano”
Relatrice: Stefania Guglelmi, avvocata e docente del Master “Tutela, diritti e protezione dei minori”
Venerdi 30 ottobre 2015
ore 16.15/18.00
Aula Magna Drigo, Dipartimento Studi Umanistici, Via Paradiso 12, Ferrara
Il diritto minorile, con ciò intendendosi l’insieme delle norme -sostanziali e procedurali- che disciplinano la posizione giuridica soggettiva della persona di età inferiore ai 18 anni, risulta costituire un corpus assai complesso ed articolato, frutto della stratificazione, negli anni, di norme e leggi mai compiutamente ricondotte ad un’armonia anche solo sistematica. Ciò che, oggi, appare sotto i nostri occhi è, pertanto, un diritto speciale completo, nel senso che disciplina tutti gli spazi nei quali l’interesse dei minori può assumere rilevanza, allo scopo anche prevedendo Autorità giudiziarie ed Istituzioni ad hoc (in ultimo, il Garante per l’infanzia), ma, talvolta, di difficile utilizzo per l’interprete e gli operatori proprio a causa della mancanza di coordinazione tra le norme stesse. Il lavoro che segue, pur all’insegna della sintesi nonché della massima aderenza possibile alle fonti normative, a partire dalla solida impalcatura internazionale e comunitaria, cerca di operare tale attività di raccordo e coordinazione, col fine di offrire, contemporaneamente, un quadro dell’evoluzione normativa e degli istituti interessati. Fondamentale è la recente Riforma legislativa (entrata in vigore tra il dicembre 2013 ed il febbraio 2014), che ha innovato profondamente la disciplina previgente.In particolare, si segnala la valorizzazione dell’ascolto del minore in tutti i casi in cui l’Autorità giudiziaria debba assumere provvedimenti che li riguardano, il superamento della differenza tra figli legittimi e figli naturali e la riconduzione alla competenza del Tribunale ordinario dei procedimenti in materia di affidamento e contributo al mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio. Ulteriormente potenziato risulta, inoltre, un modello di famiglia che si vuole sopravviva, nel rapporto con i figli, alla separazione tra i genitori, già introdotto nel nostro ordinamento dalla legge num. 54 del 2006 con la disciplina dell’affidamento condiviso dei minori. Infine, degne di nota sono l’espressa previsione del coinvolgimento degli ascendenti nella gestione dei bisogni dei minori nonché la possibilità di riconoscere il figlio nato da persone, tra le quali esiste un vincolo di parentela in linea retta all’infinito o in linea collaterale nel secondo grado, ovvero un vincolo di affinità in linea retta.Il seminario condotto da Stefania Guglielmi, avvocata e docente nel master “Tutela, diritti e protezione dei minori”offrirà, a partire  dalla solida impalcatura internazionale e comunitaria, un quadro dell’evoluzione normativa e degli istituti interessati in tema di diritto minorile.
Per info e iscrizioni: mastertutelaminori@unife.it

Comments are closed.