Separazione, divorzio, conflitto familiare

la-locandina-di-divorzio-all-americana-55492

DIVORZIO ALL’AMERICANA

Divorce American Style, dir. BUD YORKIN, interpreti Dick Van Dyke, Debbie Reynolds, CEIAD, 1967, Film.

Richard e Barbara Harmon, sposati da 17 anni e genitori di due figli, sentono ormai che la loro unione non è più come prima e malgrado l’aiuto di un consulente matrimoniale decidono di divorziare. Dopo il divorzio Richard si accorge con sorpresa e amarezza che dopo aver passato alla ex moglie gli alimenti a lui resta ben poco del lauto stipendio che guadagna. Un giorno conosce Nelson Downes, un divorziato che ha il suo stesso problema a causa degli alimenti che deve passare alla ex moglie Nancy. Nelson presenta Richard a Nancy, sperando che fra i due nasca qualcosa e che la la donna si risposi, smettendo così di passarle gli alimenti. Ma anche Richard deve trovare qualcuno che sposi la sua ex Barbara, per evitare di pagare i suoi alimenti. A insaputa di Richard, Nelson e Nancy presentano a Barbara un comune amico e tutto sembra andare secondo i piani prestabiliti, fino a quando Richard e Barbara non si rendono conto di amarsi ancora come il primo giorno…

 

COMPLICATO

E’ COMPLICATO

(It’s complicated), dir. NANCY MEYERS, interpreti Meryl Streep, Alec Baldwin, Steve Martin, Universal Pitcures, Film.

Jane e Jake Adler hanno tre figli ormai grandi e sono divorziati da dieci anni. Lei gestisce con successo una caffetteria a Santa Barbara, lui prova a gestire la nuova moglie, di venticinque anni più giovane e il capriccioso figlio di lei. La trasferta a New York per il diploma di uno dei loro figli, riunisce Jane e Jake sotto le lenzuola e dà inizio ad una complicata relazione extraconiugale tra gli ex-coniugi, proprio quando Adam, un architetto neodivorziato, si sta teneramente affacciando nella vita da single di Jane.

Nancy Meyers sa “quello che le donne vogliono”, sa che non smettono mai di volerlo, che l’età non conta, e non si chiede se dietro un grande uomo ci sia sempre una grande donna, ma sa bene che dietro ad una buona commedia occorre ci siano tanto l’uno quanto l’altra. Dopo Nick Nolte e Julia Roberts, Mel Gibson e Helen Hunt, dopo Jack Nicholson e Diane Keaton, Kate Winslet e Jack Black, è la volta della strana coppia Meryl Streep – Alec Baldwin.
C’è qualcosa di bello e di vero anche in questo film della Meyers, che posiziona il dolore nell’antefatto, e dunque nel silenzio, ma senza negarlo, e consuma la commedia come un esorcismo, indubbiamente una delle sue funzioni primarie e primogenite. Perché tutto questo debba venire (regolarmente) infarcito con dosi king size di crema, sia essa all’uovo, di limone o antirughe, permane un mistero e un inconveniente.
Sceneggiatrice esperta, produttrice sagace e regista ormai comprovata, la Meyers sembra sempre e comunque più attratta dal mondo dell’interior design che da qualsiasi altro. La casa è al centro del suo universo cinematografico, una casa che tutto possiede e tutto fagocita e che sia sempre e comunque ampliabile, architettonicamente (a giustificare la figura di Adam e il suo possibile inserimento nel nucleo famigliare) o metaforicamente (“Casa dolce casa” sospira Baldwin post coitum).
Nel novero delle debolezze del film va segnalata anche la brevità della miccia, per cui la prima mezz’ora imposta lo spasso e poi è solo un andare a ruota, e la stanchezza di alcune scenette di repertorio, come quella che vede l’ex marito della protagonista sbilanciarsi per spiare dalla finestra e finire gambe all’aria. Ma va reso merito a È complicato di possedere anche una scena dal riso (alterato e) davvero contagioso e un grandissimo John Krasinski nei panni del fidanzato della figlia maggiore degli Adler.

 

ORRIBILE

L’ORRIBILE VERITA’

The Awful Truth, dir. LEO MCCAREY, interpreti Irene Dunne, Cary Grant, 1937, Columbia Pictures, Film.

Una delle migliori commedie americane su una coppia che si appresta a divorziare ma che, nei novanta giorni tra la sentenza e il momento in cui questa deve diventare esecutiva, scopre nuovamente d’amarsi.

 

NEMICHE)

 

 

 

 

 

 

 

 

NEMICHE AMICHE

Stepmom, dir. CHRIS COLOMBUS, interpreti Julia Roberts, Susan Sarandon, U.S.A., 1998, Film

Isabel è una fotografa di moda che pensa esclusivamente alla carriera e che deve occuparsi dei figli del suo nuovo compagno Luke: la dodicenne Anna e Ben di sette anni. Sia Isabel che i due bambini amano con tutto il cuore Luke, ma tra di loro i rapporti non sono idilliaci. Isabel deve fare i conti anche con Jackie, la madre naturale, considerata dai due pargoli insuperabile in tutto. La donna nutre ovviamente del risentimento nei confronti di Isabel che le ha “rubato” i figli. Ma un giorno Jackie si scopre malata di tumore.

 

SE MI LASCI)

 

 

 

 

 

 

 

 

SE MI LASCI TI CANCELLO

Eternal Sunshine of the Spotless Mind, dir. MICHEL GRONDRY, interpreti Jim Carrey, Kate Winslet, Eagle Pictures, 2004, Film.

Joel e Clementine si amano alla follia ma sono troppo diversi. Così, un giorno, Clementine decide di farsi estirpare la sezione della memoria relativa alla loro storia d’amore. Quando Joel lo scopre vuole sottoporsi allo stesso trattamento, ma all’ultimo momento capisce di amare troppo Clementine e di non volerne cancellare il ricordo… Inizia così una corsa contro il tempo per poter salvare l’amata nei recessi della sua mente.

 

Lascia un Commento