Qui i protagonisti siamo noi!

La bambina che leggeva romanzi d’amore

leggere-libro-libri-biblioteca-bambini-bambina-bambino-lettura-982x540

Capitolo 1

Ci sono libri che, letti in momenti particolari della propria vita, possono cambiarla profondamente. Ci sono relazioni umane che segnano l’esistenza e le donano il colore e il calore che porterà con sé per sempre. A volte ci sono entrambi. E’così che è nata la mia storia.

Read More

Besprizornye – Bambini randagi

La guerra non risparmia i bambini. Lo sa bene la Russia sovietica che, per circa un ventennio, fino a metà degli anni trenta, ha attuato un regime repressivo che ha causato carestie, degrado, carenza di valori e guerre civili. E quel regime che ha gettato la scure su migliaia di persone, colpevoli o innocenti, nell’ossessionante tentativo di debellare ogni tentativo di rivolta, di ribellione, ogni deviazione dalla legge, non ha esitato ad applicare la stessa assertività sui bambini.

Read More

Storie di inclusione: Samira

A volte mi chiedo come sarà la tua voce quando parlerai. Perché imparerai a parlare. Sei così forte e determinata che presto imparerai a parlare, a camminare, a giocare senza il nostro aiuto.


Read More

Storie di inclusione: Leila

I miei fratelli ed io capivamo che nostra madre era di nuovo incinta quando cambiava la disposizione delle nostre camere da letto. Quando il letto vicino al suo veniva spostato in una delle altre stanze della casa voleva dire che c’eravamo un’altra volta: di lì a poche settimane sarebbe tornata a casa con un altro marmocchio strillante.

inclusione

Read More

Ajna Jusic

Ci sono bambini che mostrano negli occhi la memoria del mondo. Quando sono nata non ho pianto: ho guardato mia madre e ho cercato di capire se avrebbe potuto amarmi per quella che ero. Dicono che sentire il pianto dei neonati al momento della loro venuta al mondo sia fondamentale, per capire se sono vivi, se sono sani, se hanno realizzato il distacco dall’utero materno e l’ingresso nella vita al di fuori. Non avevo bisogno di piangere per sapere di essere viva. Avevo solo bisogno di sapere di poter essere accolta per decidere di continuare a vivere. Mia madre mi ha guardata negli occhi e ha deciso che avremmo imparato a vivere di nuovo insieme.

index

Read More

Storie di inclusione: Nina

Quando arrivai alla casa verde capii che mia madre era morta. Ormai ci avevo fatto l’abitudine alle case che ci ospitavano quando mia madre non ce la faceva più, quando non riusciva più a stare in piedi e quando stava via tutta la notte e io rimanevo da sola.

ogo-casa-verde_20161-1

Read More

Cartoline dalla Birmania

birmania

Al campo mi chiamano “il bambino con la matita”. Me l’ha regalata la signora che viene ogni tanto a trovare i bambini delle baracche per insegnargli a leggere e a scrivere. Desideravo tanto una matita. Appena l’ho avuta in mano ho cominciato a disegnare la mia casa, quella in Rakhine.

Read More

Storie di inclusione: Roberta

tca_inclusione_bes

Poche settimane fa sono stata a casa tua. Mi sembrava di vederti, sai Roberta? Sembrava proprio che ad un certo punto tu dovessi apparire sulla tua sedia con la tua mano dalle dita lunghissime appoggiata sul tavolo, intenta a contare i centesimi, le monetine “del resto” che chiedevi a tutti di portarti. Mi sembrava di sentirti, con la tua vocina sottile capace di dire le parole più dolci, profonde e sincere che io abbia mai sentito. Eravamo giovanissime, avevamo diciassette anni, quando ci siamo conosciute, ti ricordi Roby? A Torrette di Fano, al campo scuola del Movimento Apostolico Ciechi. I tuoi occhi non vedevano più da tempo, ma camminavi e mi aiutavi ad affettare i pomodori da mettere nell’insalata. Preparavamo la colazione per tutti, a base di latte e biscotti, rigorosamente gli Abbracci del Mulino Bianco. Mi parlavi di te e di una vita che non avevo conosciuto: mai una volta ti ho sentito parlare della tua malattia, delle tue sofferenze, delle tua paure per il futuro che, nei tuoi racconti, celavi sempre dietro ad un “quando ancora ci vedevo”. Non ti sei mai lamentata e, nonostante tutto, sei sempre stata grata alla vita, anche quando ti presentava conti che avrebbero scoraggiato chiunque.

Read More

Storia di Irene: un romanzo che narra la solitudine delle povertà educative

storia di irene

Storia di Irene è un romanzo di Erri De Luca. Parla di Irene, unica superstite di un barcone pieno di clandestini che, salvata dai delfini, approda in un’isola greca degli anni settanta. Quando lo scrittore la incontra, Irene ha quattordici anni ed è incinta. Cresciuta con mezzi di fortuna, vivendo della carità di qualche pescatore e di qualche umile lavoro, si accinge a partorire un figlio che non ha cercato e del cui padre non vuole rivelare l’identità: non ha studiato, è analfabeta e l’unico linguaggio che conosce è quello dei delfini. L’unica legge che riconosce è quella del mare.

Read More

Come una rosa blu

hikikomori-2

Da domani vado a scuola. Così si ripeteva ogni giorno Martina quando, invece di prendere lo zaino e uscire di casa, si abbandonava sul divano coprendosi la testa con il cuscino. Domani. Un domani che durava da oltre due anni. Domani ci vado, ma oggi proprio non me la sento, oggi proprio no, dice alla madre che, piangente, dalle sei del mattino la implora di alzarsi, di andare a scuola, che è un suo dovere, che non importa se non ha studiato, basta che ci vada, basta che prenda la licenza media. Read More